Studio: i terroristi dell’ISIS possiedono fino a $ 300 milioni in criptovalute

Notizie

Secondo l'ONG “Counter Extremism Project”, i terroristi dell’ISIS possiedono oltre 300 milioni di dollari in criptovalute.

In un rapporto intitolato “Cryptocurrencies as Threats to Public Security and Counter Terrorism: Risk Analysis and Regulatory Challenges”, i ricercatori della ong hanno cercato di verificare tutte le entrate dell’ISIS. Tuttavia, secondo gli analisti, è impossibile scoprire tutte le entrate dell’organizzazione terroristica:

"Abbiamo calcolato che dal 2017 al 2020 i terroristi hanno ricevuto circa $ 300 milioni, che non siamo riusciti a trovare, molto probabilmente, questi soldi sono stati ricevuti dall’ISIS tramite le criptovalute. Quest’ultime sono davvero un meccanismo ideale per nascondere denaro. Con una corretta organizzazione, i governi non saranno mai in grado di rilevarli o confiscarli ", ha scritto Hans-Jakob Schindler, il direttore della ONG “Counter Extremism Project”.

Gli esperti della ong hanno anche riferito che nel 2019, l'ISIS ha utilizzato le criptovalute per organizzare un attacco terroristico in Sri Lanka. In quell’attacco sono morte 250 persone.

Inoltre, Hans-Jakob Schindler ha affermato che i terroristi si sono interessati alle criptovalute circa 6 anni fa, nel 2014:

“Sin dall'inizio, i leader dell'ISIS erano interessati all’utilizzo di questa nuova tecnologia. Le criptovalute fanno bene alle organizzazioni terroristiche famose, in quanto consentono loro di raccogliere le donazioni dai loro sostenitori senza il rischio di essere scoperti o catturati."

Infine sottolineiamo che, “Counter Extremism Project” è un'organizzazione senza fini di lucro che è indipendente dagli Stati e dalle organizzazioni governative internazionali.