25-05-2019 1 minuto

BTC.com e BTC.top hanno organizzato un attacco del 51% alla rete di Bitcoin Cash

vlad Scritto da Vlad Golub

Due mining pool di Bitcoin Cash, BTC.com e BTC.top, hanno effettuato un ‘attacco del 51%’ alla rete di BCH, per annullare la transazione di un altro miner che ha cercato di ottenere l'accesso a fondi che non gli appartenevano, riporta CoinDesk.

 

Così, durante l’ultimo aggiornamento della rete (hardfork), che si è svolto il 15 maggio, un miner sconosciuto si è approfittato della vulnerabilità del protocollo di Bitcoin Cash e ha diviso la catena di BCH in due alternative. Ciò ha portato al fatto che i miner per un po 'di tempo hanno minato i blocchi vuoti.

 

Si è scoperto che nel momento in cui Bitcoin Cash si è separato da Bitcoin nel 2017, sono state create un gran numero di monete, che sono state trasferite accidentalmente agli indirizzi anyone can spend. Tuttavia, gli sviluppatori hanno implementato la regola CLEANSTACK, in base alla quale tutte quelle monete sono state ‘congelate’. Ciononostante, l'ultimo hardfork ha rimosso la regola [CLEANSTACK] dal protocollo e ha permesso al miner sconosciuto di appropriarsi delle coin sopracitate.

 


Quindi, visto che BTC.com e BTC.top  controllano più della metà dell'hashrate della rete, molto probabilmente erano consapevoli del fatto che un tale problema poteva sorgere, o potevano persino essere pronti a prendere possesso delle monete. Ad ogni modo, hanno rapidamente riorganizzato la rete.

 





Si può presumere che ci sarà presto una vivace discussione intorno a questo incidente, dal momento che i miner hanno effettivamente sottoposto la rete ad una severa censura, anche se le loro intenzioni, questa volta, sembrano essere buone.