07-05-2019 1 minuto

CryptoRivista insieme ai Legal Hackers all'Università degli studi di Perugia.

marco_laurenti Scritto da Marco Laurenti

Nella giornata di oggi, il 7 maggio, si è tenuto l’evento “Digital mismatch: la figura professionale del domani” presso l’Università degli Studi di Perugia. Alla presenza del nostro PR Manager Marco Laurenti che ha moderato gli interventi dell’Avv. Paolo Nardella esperto in diritto delle nuove tecnologie  responsabile unit blockchain Consulenze e Risorse, docente in diversi workshop formativi con taglio pratico, consulente aziendale in materia di blockchain e tokenizzazione, team leader di diversi progetti blockchain, coordinatore Legal Hackers Pescara,  Presidente dell’Associazione Professionisti Blockchain, intervenuto su 'Aspetti legali ed economici del mondo cripto;

 


Marco Laurenti 

 


Avv. Paolo Nardella

 

William Nonnis Full Stack developer presso il Ministero della Difesa;

 


William Nonnis 

 

Marco Crotta Co-Founder e blockchain expert alla Bcademy Milano, IEO Advisor alla EarthBi e il fondatore di Blockchain Caffè;

 


Marco Crotta via Skype

 

Roberto Reale Legal Hackers Roma;

 


Roberto Reale

 

Avv. Paolo Spacchetti e l’Avv. Alessandra Lombardi di Legal Hackers Perugia.

 


Avv. Paolo Spacchetti e l’Avv. Alessandra Lombardi

 

Un incontro interessante avente oggetto non solo lo studio della tecnologia blockchain Satoshi agli smart contract, passando per elementi di informatica utili per comprendere, almeno in parte la trasformazione delle professioni del futuro. I ragazzi entusiasti hanno incalzato con quesiti non solo tecnici ma anche prettamente pratici quali potranno essere le professioni che resisteranno al passaggio epocale che prettamente ha avuto una risposta tutt’altro che scontata. Tutte le professioni saranno stravolte, il tutto sta nel non farsi travolgere ma plasmarsi davanti allo sviluppo di tecnologie che saranno rivoluzionarie, non solo per l’ambito strettamente tecnologico ma anche di tutta la quotidianità, dalle industrie alle P.A. 

 

 
Il professionista di domani non deve quindi possedere conoscenze prettamente ristrette ad una determinata categoria ma sarà necessario che abbia capacità trasversali che vadano dalla giurisprudenza alla programmazione passando per elementi di micro e macro economia senza trascurare anche elementi di IoT.

 


 

Il nostro viaggio di informazione ed alta formazione in giro per l’Italia continua.