26-02-2019 < 1 minuto

Russia - Le criptovalute entrano nel codice penale della Federazione

vlad Scritto da Vlad Golub

La Corte Suprema della Federazione Russa ha vietato legalmente il riciclaggio di ricavi convertiti da beni virtuali. Modifiche rilevanti sono state apportate alla sentenza del tribunale del 2015 sulla prassi nei casi di riciclaggio di denaro sporco, riporta RBC.

 

Ora oggetto dei crimini di cui all'art. 174 e 174.1 sulla legalizzazione dei proventi criminali, vengono considerati anche i beni virtuali - criptovaluta ottenuta a seguito di attività illegali.

 

Prendiamo atto che la sessione della Corte Suprema non ha introdotto il termine ‘’criptovaluta’’ nel Codice penale della Federazione russa, poiché non è stato ancora registrato ufficialmente nella legislazione russa. Tuttavia, la necessità di chiarimenti su questo tema è attesa da tempo, come spiegato dalla Corte Suprema.

 

''Negli ultimi anni, ci sono stati casi nella pratica in cui la criptovaluta ottenuta dalla vendita di droghe è stata introdotta in circolazione prelevando denaro dai terminali delle banche'', ha aggiunto il giudice della Corte Suprema Alexander Chervotkin.