16-06-2019 2 minuti

I media hanno pubblicato l’elenco completo dei partner del progetto di criptovaluta di Facebook

vlad Scritto da Vlad Golub

The Block è riuscito ad ottenere alcuni documenti di marketing del progetto della criptovaluta di Facebook, contenenti un elenco completo dei partner attuali. Tra loro ci sono grandi aziende non solo dell’ambito finanziario, ma anche dall'e-commerce, dell'industria e della criptovalute.

 

Già noto in precedenza che le società Visa, Mastercard, PayPal e Uber hanno investito un capitale pari $ 10 milioni nel consorzio Libra Association, che gestirà il progetto. Ciascuno dei partecipanti avvierà il proprio nodo per l'accesso alla rete di pagamento basata sulla stablecoin di facebook, presumibilmente chiamata GlobalCoin.  Allo stesso tempo, i fondi raccolti saranno utilizzati per garantire il valore della stablecoin, il cui prezzo sarà presumibilmente legato ad un paniere di valute in corso legale.

 

È interessante notare che inizialmente Facebook intendeva attirare gli investimenti delle società finanziarie di Wall Street come Goldman Sachs e JPMorgan, tuttavia, secondo The Block, avrebbero reagito con freddezza alla proposta. Il social network ha quindi rivolto la propria attenzione ad altri potenziali partner di cui alcuni avrebbero già accettato la collaborazione anche se Facebook punta all’investimento iniziale di $ 1 miliardo e a circa 100 partecipanti.

 

La società di Zuckerberg ha iniziato a sviluppare attivamente il proprio progetto blockchain l'anno scorso e a capo è stato posto l'ex membro del consiglio di amministrazione di Coinbase e il vicepresidente di Facebook David Marcus.

 


David Marcus

 

Già a maggio di quest'anno, Libra Networks è stata registrata a Ginevra, che sembra essere l'entità legale dietro il progetto su larga scala. Secondo alcuni dati, il lancio ufficiale della rete di pagamento si terrà nel primo trimestre del 2020, mentre quest’anno verrà riservato per i test in diversi parti del mondo.

 

Per quanto riguarda la regolamentazione dell'iniziativa, Facebook è presumibilmente in trattativa con la Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti (CFTC), il Dipartimento del Tesoro statunitense e il Governatore della Banca d'Inghilterra Mark Carney.  L’iniziativa di Facebook interessava anche al Senato degli Stati Uniti, i cui rappresentanti hanno chiesto a Mark Zuckerberg di chiarire esattamente come Libra (GlobalCoin) gestirà i dati personali degli utenti.

 

Inoltre, i media hanno recentemente scoperto che Facebook ha ingaggiato l'influente lobbista bancario Edward Bowles, che dovrebbe iniziare a lavorare sul progetto a settembre.

 

Quindi, secondo The Block, le seguenti società hanno già aderito al progetto Libra: Coinbase Exchange, Xapo Custodians, Anchorage e Infrastructure Solutions Provider BisonTrails dal settore delle criptovalute;  eBay, MercadoLibre e Farfetch dall'e-commerce;  Andreessen Horowitz, Union Square Ventures e altri attori del settore degli investimenti;  Visa, Mastercard, PayPal, Stripe, PayU dal campo dei pagamenti;  Uber e Lyft dal ridesharing;  Vodafone e Illiad delle telecomunicazioni;  Booking Holdings e diverse organizzazioni senza scopo di lucro.

 

Dati: The Block

 

Libra, secondo la pubblicazione, sarà una "moneta globale ed un'infrastruttura finanziaria" per miliardi di persone, il cui codice sorgente della blockchain nativa sarà reso pubblico con la licenza Apache 2.0.

 

The Block sostiene che alcuni importanti media hanno già ricevuto un comunicato stampa, la cui pubblicazione è sottoposta a embargo fino al 18 giugno.  Allo stesso tempo, Facebook si è presumibilmente rifiutato di mandare il comunicato stampa ai media che trattano le criptovalute e di lavorare direttamente con loro.  Il documento in questione, presumibilmente, afferma che la società tenterà di aprire l'accesso alla rete di pagamento a 1,7 miliardi di persone che sono escluse dal sistema finanziario tradizionale.  Nel comunicato, Facebook ha anche criticato le blockchain e le criptovalute esistenti, scrive The Block.

 

Pertanto, il 18 giugno è presumibilmente la data in cui la testNET di GlobalCoin verra lanciata.

 

Vale la pena aggiungere che Facebook stesso, secondo The Block, sarà rappresentato nel progetto da una divisione separata denominata Calibra, che ha già registrato il dominio calibra.com.  Nonostante il sito dia l’errore 404, nel codice sorgente i giornalisti hanno trovato menzione delle seguenti valute legali: il dollaro USA, l'euro, il bolivar venezuelano, il dollaro dello Zimbabwe e il gourde haitiano.  Sono menzionati anche WhatsApp, Messenger, Instagram e aziende il cui ruolo è ancora sconosciuto: KFC Thailand, Norwegian CruiseLine e Best Buy Messico.