Ricerca - Secondo Chainalysis il 60% di tutti i furti di criptovalute sono stati condotti da 2 gruppi di hacker

Scritto da Andrea Scavolini
1 minuto 31-01-2019

Banner image

Secondo il rapporto della società analitica 'Chainalysis', solamente due gruppi di hacker sono stati in grado di rubare criptovalute per l'equivalente di $ 1 miliardo.

 

 

Il nuovo rapporto afferma che solo questi due gruppi, chiamati provvisoriamente dagli analisti 'Alpha e Beta', rappresentano circa il 60% del numero totale di attacchi di hacker effettuati durante l'intera esistenza delle criptovalute. A seguito di azioni dannose, questi gruppi sono riusciti ad ottenere circa $ 1 miliardo.

 

Secondo l'economista di Chainalysis, Philip Gradwell, entrambe le organizzazioni continueranno probabilmente le loro attività. D'altra parte, sottolinea l’azienda, in questo studio potrebbero esserci inesattezze, ed inoltre i gruppi stessi non sono stati ancora identificati.

 

Il rapporto rileva però che Alpha è presumibilmente una "enorme organizzazione strettamente controllata, che è guidata almeno in parte da motivazioni intangibili". "Beta" invece è molto più piccola di "Alpha", non è organizzata così rigidamente e le sue attività sono guidate principalmente da motivi monetari. I fondi rubati sono stati spostati circa 5.000 volte prima di essere ritirati in FIAT tramite gli exchange.

 

Inoltre, è noto che entrambi i gruppi agiscono in modo un po' diverso. "Alpha", presumibilmente, effettua immediatamente le transazioni con le risorse rubate. "Beta" invece non ha fretta, posticipando il movimento di criptovaluta per circa 18 mesi, fino a quando la "polvere si deposita" e il pubblico è meno incline a ricordare l'attacco.

 

In un mese circa, Alpha converte circa il 75% della criptovaluta risultante in fiat. "Beta" ritira circa il 50% entro pochi giorni dopo il periodo di attesa stabilito. Secondo Gradwell, a volte i fondi vengono trasferiti anche nelle borse regolamentate, perché i sistemi AML non sono in grado di rilevare transazioni sospette dopo trasferimenti multipli di fondi tra indirizzi.

 

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img @scavolize
Andrea Scavolini
Editor-in-Chief
113 NOTIZIE
10 ARTICOLI

Andrea Scavolize, classe 1992, psicologo esperto nel rapporto tra tecnoscienza e società nell'era postmoderna. Da sempre immerso nel mondo della tecnologia , ha cominciato nel 2017 a studiare autonomamente criptovalute e blockchain: è il fondatore della community facebook 'Bitcoin Pesaro e Urbino' e attualmente lavora come Editor-in-chief per CryptoRivista.