SEC: Ethereum non è una security

SEC: Ethereum non è una security cover

SEC: Ethereum non è una security

Scritto da Alessio Ferraro
12-03-2019 1 minuto

CryptoRivista Banner Brave

Il direttore della Securities Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, Jay Clayton, si è espresso oggi sulla seconda criptovaluta in termini di capitalizzazione di mercato, Ethereum. Come riporta The Block, secondo Clayton, ETH non può essere considerata come security.

 

A giugno dello scorso anno, il direttore del dipartimento di finanza aziendale della SEC, William Hinman, ha affermato che Ethereum non contiene le proprietà inerenti ai titoli:

 

'Se lasciamo da parte la raccolta di fondi (ICO) organizzata per lanciare Ethereum, la rete di questa criptovaluta, la sua struttura decentralizzata, le attuali offerte e le vendite di ETH non costituiscono transazioni di titoli. Come con Bitcoin, applicare la legge sui titoli ad Ethereum non sembra apportare benefici.'

 

Qualche tempo dopo, il membro del Congresso Ted Budd e l'organizzazione per la difesa della Crypto-Industria Coin Center hanno inviato una lettera a Clayton chiedendogli di chiarire la posizione ufficiale dell'agenzia riguardo ai commenti di Hinman.

 

La SEC ha pubblicato solo ora una risposta a questa lettera, in cui si afferma che:

 

'Lo stato di un’asset digitale come security non può essere statico e, pertanto, può cambiare nel tempo.'

 

La Commissione osserva che una criptovaluta può essere venduta come security immediatamente dopo l'emissione, rispettando la definizione di un contratto di investimento. Tuttavia, dopo un po', l'asset digitale può essere venduto o offerto ad altri utenti non più come oggetto di investimento.

 

Clayton ha successivamente aggiunto:

 

'Sono d'accordo con la spiegazione di Hinman. Una transazione di beni digitali può cessare di essere un contratto di investimento. Ad esempio, se gli acquirenti non hanno motivo di aspettarsi che una persona o un gruppo di individui mostrerà sforzi di gestione e capacità imprenditoriali. In tali circostanze, un asset digitale non può costituire un contratto di investimento nel contesto del test Howie.'

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img
Alessio Ferraro
@alexfer33
SUPER AUTORE
91 NOTIZIE
4 ARTICOLI

Autore, Divulgatore, Content Writer e Community Manager per diverse realtà inerenti al mondo Crypto. Appassionato di tecnologia e sicurezza informatica.