01-06-2019 1 minuto

Il colosso giapponese SBI pianifica il lancio di pagamenti in-store con l'app ''Money Tap''

gdbroad Scritto da Gianluca Diomedi

SBI Ripple Asia, una filiale del gigante finanziario giapponese SBI Holdings, ha da poco attivato un test dimostrativo per i pagamenti mobile attraverso  l'applicazione ‘’Money Tap’’, allo scopo di programmare il lancio del nuovo servizio definitivo.

 

La versione demo implementerà il sistema  xCurrent di Ripple, che consente il trasferimento veloce di denaro da una parte all’altra del mondo. Esso sarà utilizzabile presso i commercianti affiliati e sarà per la prima volta implementato nel ristorante della sede centrale del Gruppo SBI a Roppongi (Tokyo).

 

Lo sforzo è finalizzato a valutare le esperienze dei clienti con l'app prima del lancio generale ‘’entro l'anno’’, ha affermato l'azienda giovedì 30 maggio 2019.

 

SBI ha detto che il sistema degli in-store payments  porterà a una “migliore regolamentazione dei servizi commerciali e combinerà  convenienza e sicurezza".

 

Il sistema Money Tap, creato per fornire trasferimenti ''immediati'' per gli utenti con conti presso le  banche affiliate,  è stato annunciato lo scorso marzo e verrà lanciato il prossimo ottobre.

 

Ora disponibile per dispositivi iOS e Android, il prodotto consente di inviare fondi utilizzando solo i numeri di telefono dei destinatari o un codice QR e utilizza le funzionalità di accesso biometrico dei dispositivi, come la scansione delle impronte digitali.

 

 Nel marzo 2019, SBI ha aggiunto tredici istituzioni bancarie come co-fondatrici di Money Tap Co. Ltd. L'app è stata anche registrata come sistema di pagamento elettronico in Giappone. Resona, una delle tre banche giapponesi che collaborano con SBI e Ripple nell'app, è uscita dal progetto ad aprile, ma non ha indicato il perché.

 

All'inizio di maggio, Ripple ha aggiunto Yoshitaka Kitao -presidente, rappresentante e amministratore delegato di SBI Holdings-, al suo consiglio di amministrazione.