09-05-2019 < 1 minuto

Mario Draghi: ‘La Banca Centrale Europea non riconosce Bitcoin come moneta'

marco_laurenti Scritto da Marco Laurenti

Le criptovalute dovrebbero essere considerate come beni, non valute visto che non sono emesse da un centrale governativo e di conseguenza sono prive di corso legale. Lo ha affermato il presidente della Banca centrale europea (BCE), Mario Draghi, nell'ambito dell'iniziativa "Dialogo con i giovani".

 

 

"L'euro rimarrà l'euro oggi, domani e tra un mese. Dietro l'euro c’è la BCE. E chi c'è dietro la criptovaluta? Pertanto, crediamo che la criptovaluta sia un asset ad alto rischio, il cui valore, come si può vedere, varia molto ", ha dichiarato Draghi non aggiungendo nulla rispetto a quanto già espresso dalla Consob.

 

Ha anche sottolineato che attualmente la capitalizzazione della criptovaluta non è abbastanza significativa da ‘scuotere’ la macroeconomia.

 

Mario Draghi ha inoltre ricordato che la BCE non è un regolatore e ma un’istituzione ufficiale dell’UE che si colloca al centro dell’Eurosistema e anche del Meccanismo di vigilanza unico, per quanto riguarda la vigilanza sulle banche, delle risorse digitali e che la principale funzione della Banca Centrale Europea è quella di proteggere i consumatori.