Cryptorivista - Il 17% delle applicazioni decentralizzate (dApp) sono state segnalate come 'abbandonate'

Scritto da Andrea Scavolini
< 1 minuto 05-01-2019

Banner image

Secondo i dati del servizio - State of the dApps, il 17,2% del numero totale di applicazioni decentralizzate (dApp) non ha mostrato alcuna attività nell'ultimo anno. A tali progetti il servizio analitico ha assegnato lo stato ‘abbandonato’.

 

 
 

Sul sito web del servizio, è possibile osservare che  sulla piattaforma Ethereum ci sono molte più dApp che su EOS (2254 e 122, rispettivamente). Tuttavia, il numero di utenti attivi di applicazioni decentralizzate su EOS è tre volte superiore rispetto ad Ethereum.

 


 

Nello screenshot successivo potete osservare che lo stato ‘attivo’ è assegnato a sole 1300 dApps. Il catalogo contiene 2432 dApp. Di queste, 394 sono state abbandonate completamente.

 


 

Tuttavia, i rappresentanti della piattaforma hanno dichiarato che ci sono molti progressi in ‘cantiere’. Così, a dicembre, il servizio ‘State of the dApps’ ha ricevuto 179 domande per l'inclusione di nuove dApp nel catalogo.

 

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img @scavolize
Andrea Scavolini
Editor-in-Chief
78 NOTIZIE
7 ARTICOLI

Andrea Scavolize, classe 1992, psicologo esperto nel rapporto tra tecnoscienza e società nell'era postmoderna. Da sempre immerso nel mondo della tecnologia , ha cominciato nel 2017 a studiare autonomamente criptovalute e blockchain: è il fondatore della community facebook 'Bitcoin Pesaro e Urbino' e attualmente lavora come Editor-in-chief per CryptoRivista.
Social: