Chris Burniske: ‘Nella vita reale, potranno essere utilizzati massimo 50 token’ cover

Chris Burniske: ‘Nella vita reale, potranno essere utilizzati massimo 50 token’

1 minuto 03-03-2019
Scritto da Alessio Ferraro

Il socio del fondo di venture capital Placeholder, Chris Burniske, ha scritto nel suo blog che, in futuro, solo una cinquantina di token potranno essere utilizzati nella vita di tutti i giorni.

 

Secondo quanto ha scritto Burniske, se i precedenti investitori erano focalizzati sui vari protocolli blockchain, ora sono più interessati a raccogliere fondi usando la nuova tecnologia. Nel 2017, le transazioni che utilizzavano i token erano superiori a quelle delle criptovalute. Tuttavia, oggi, nel 2019, tutto è cambiato. I token stanno per essere rimpiazzati dai titoli tokenizzati.

 

Berniske ritiene che, in futuro, ‘migliaia di aziende’ utilizzeranno le DLT (distributed ledger technology). Inoltre, sulla vasta gamma di protocolli blockchain presenti sul mercato oggi, prevarranno solo quelli più funzionali. Allo stesso tempo, lo scrittore è sicuro che nel 2021 molti si pentiranno di non aver investito in determinati token negli anni precedenti, i quali secondo Chris aumenteranno di valore in maniera esponenziale.

 

Burniske ha anche sottolineato che circa il 95% dei token presenti sul Coin Market Cap ‘non funziona’:

 

‘Direi che non ci sono più di 50 token sul mercato che hanno un'applicazione pratica. Nel 2017 abbiamo sottolineato che il 95% delle ICO erano spazzatura, quindi non siamo rimasti sorpresi del fatto che, nel 2019, essi si sono rivelati davvero spazzatura e non funzionano o non hanno motivo di esistere. Il numero di token interessanti è inferiore al 2,5% del totale complessivo delle monete presenti sul Coin Market Cap. Tuttavia, questi progetti sono stimolanti, si può imparare molto da essi.’

 

Conclude affermando che, quando inizierà la prossima bull run, i token che forniranno un'utilità reale potrebbero vivere una nuova 'frenesia speculativa'. Questa sarà generata principalmente dall'innovazione radicale ritrovata e dal fatto che la bassa liquidità e i persistenti pregiudizi riguardo il mercato Crypto hanno, fino ad oggi, condizionato gli investitori.

 

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img @alexfer33

Alessio Ferraro

SUPER AUTORE

35 NOTIZIE
2 ARTICOLI

Autore, Divulgatore, Content Writer e Community Manager per diverse realtà inerenti al mondo Crypto. Appassionato di tecnologia e sicurezza informatica.
Social: