30-05-2019 1 minuto

Il Congresso degli Stati Uniti ha definito Bitcoin come uno ‘strumento speculativo’

vlad Scritto da Vlad Golub

Il ‘Congressional Research Service’ ha pubblicato un rapporto intitolato ‘The Potential Decline of Cash Usage and Related Implications’, in cui ha definito Bitcoin come uno "strumento speculativo".

 

Gli analisti prevedono una riduzione dell’utilizzo delle banconote e l'aumento dei pagamenti con le carte di credito/debito (inclusi le tecnologie: contactless, Apple Pay, Android Pay ecc,). In questa parte, i ricercatori hanno preso in considerazione altri mezzi di pagamento, comprese le criptovalute, sia private che emesse dalle banche centrali.

 

'Nonostante il fatto che i dati sul prezzo di Bitcoin indichino l'interesse pubblico verso questa criptovaluta, è raramente usata come denaro. Secondo alcuni rapporti, le valute digitali non sono ampiamente utilizzate per pagare beni e/o servizi, ma piuttosto come uno strumento di investimento', afferma il rapporto.

 

Allo stesso tempo, nella ricerca Bitcoin viene chiamato "mezzo per la speculazione", che presumibilmente non può competere con il FIAT.

 

'La quota di Bitcoin, come strumento per pagare le merci, è così bassa che può essere confrontata con un migliaio di dollari in relazione all'intero budget annuale degli Stati Uniti. Bitcoin può essere definito un mezzo per la speculazione. Vediamo che la stragrande maggioranza delle aziende che si occupa delle valute digitali, sono gli exchange. Questo, a sua volta, parla dello scopo diretto di bitcoin ed altcoin.'

 

Infine ricordiamo che, secondo gli analisti di DataLight, presto Bitcoin entrerà in una fase di crescita esponenziale, visto la continua crescita dell’indice di utilizzo (Usage Index).