10-10-2018 1 minuto

Ricerca: il mining di Bitcoin è diventato meno redditizio, nonostante i ricavi record da $ 4,7 miliardi

vlad Scritto da Vlad Golub

Nella nuova ricerca pubblicata da ormai famosa piattaforma Diar si afferma che, i ricavati totali dei miner del bitcoin nei primi nove mesi del 2018 ammontano a 4,7 miliardi di dollari, tuttavia, la  costante crescita della complessità dei calcoli rendono la prima criptovaluta meno redditizia per i grandi mining pool e mette praticamente fuori i piccoli giocatori, facendogli minare in perdita.

 

È interessante notare che la cifra raccolta dai miner per le ricompense e le commisioni  [4,7 miliardi di dollari], nei primi tre trimestri del 2018 , supera di $ 1,4 miliardi il ricavato totale del tutto il 2017.

 

Nonostante i ricavi record però, coloro [miner] che sono costretti a pagare per l'elettricità ad un prezzo reatail, a settembre, per la prima volta negli ultimi anni, sono andati in negativo.

 

 

Al momento, uno dei pochi paesi in cui il costo dell'elettricità fornisce ancora un certo senso commerciale per il mining di Bitcoin, rimane la Cina con un prezzo medio di circa $ 0,08 per kW/h.

 

Secondo Diar, solo i grandi pool, controllati dal produttore cinese di attrezzature da mining Bitmain, possono ancora fare soldi. Tuttavia, secondo i dati di Bitmain, il 95% dei ricavi della società è rappresentato dalle vendite di attrezzature e non dal mining della criptovaluta.

 

Inoltre, al fine di ridurre i costi dell'elettricità e preservare la redditività della propria azienda, Bitmain sarà costretto a distribuire la propria potenza di calcolo tra diversi paesi. In particolare, nel primo trimestre del 2019, la società prevede di aprire tre nuovi data center negli Stati Uniti.

 

’Con i costi bassi per l’energia elettrica, le principali imprese di mining industriali operano con un profitto del 50-60%, c'è ancora spazio per la crescita del mercato, ma i profitti continueranno a diminuire. Oggi, e molto probabilmente questa tendenza continuerà anche in futuro, il bitcoin mining sta diventando un monopolio dei grandi gruppi con enormi potenzialità  finanziarie, togliendo di mezzo i piccoli giocatori e danneggiando cosi alla decentralizzazione della rete’ , concludono i ricercatori.