Bitcoin - L’hash rate di BTC ha raggiunto il massimo degli ultimi 3 mesi 

Scritto da Vlad Golub
2 minuti 09-02-2019

Banner image

La potenza computazionale totale necessaria per il mining di bitcoin è cresciuta fino ai valori di novembre dello scorso anno.

 

Dati: Blockchain.com

 

L’hash rate ha ora raggiunto i 50 TH/s. La crescita di questo indicatore segnala la connessione alla rete di nuovi dispositivi per il mining di BTC.

 

Secondo alcuni esperti, questo è un segnale positivo per il prezzo della prima criptovaluta, poiché i miners fanno affidamento sulla sua crescita futura.

 

 

 

'Il prezzo segue l'hashrate. Il grafico di quest'ultimo è in continua movimento al rialzo  da ormai nove anni', ha scritto il presentatore televisivo ed ex trader Max Kaiser.

 

Tuttavia, alcuni esperti della crypto-industry sono convinti che la crescita di hashrate sia un segnale ambiguo per il mercato. Quindi, secondo il CTO della start-up ‘’Casa’’, Jameson Lopp, i miners sono guidati da interessi speculativi in relazione al prezzo futuro.

 

 

 

'Anche i miners sono speculatori!', ha scritto Lopp su Twitter.

 

Quindi, il veterano della crypto-industry suggerisce che in futuro saranno i miners a esercitare una forte pressione sul prezzo dell' ''oro digitale''. Questa ipotesi è supportata da anche da altri esperti.

 

Volume di transazioni

 

Anche il volume delle transazioni nella rete di Bitcoin, che ha già raggiunto i livelli della prima metà di gennaio 2018, è in costante aumento:

 

 
Dati: transactionfee.info

 

Quindi, poco più di un anno fa, la capitalizzazione di mercato era ai massimi, e Bitcoin era ancora scambiato ben oltre i $ 10.000.

 

Se confrontiamo gli alti indicatori delle attività all’interno della blockchain di Bitcoin, possiamo arrivare alla conclusione che la criptovaluta potrebbe essere sottovalutata e negoziata al di sotto del valore equo. Questa tesi è confermata dai dati dell'indicatore MVRV (Market Cap versus Cap Realizzato), che mostra il rapporto tra capitalizzazione di mercato e realizzo:

 


Dati: Coinmetrics

 

Il valore MVRM inferiore a 1.0 indica che Bitcoin è sottovalutato. Se il valore dell'indicatore è superiore a 3-4, l’asset viene significativamente sopravvalutata. Ora il valore MVRM è a 0,77. Questo significa che il BTC è ipervenduto e il suo prezzo dovrebbe presto riprendersi.

 

Va notato che il minimo storico dell'indicatore è stato registrato a gennaio 2015 a 0,56. Di conseguenza, vi è spazio per ulteriori riduzioni e, prima dell'inizio del Bull Run, il prezzo potrebbe ancora scendere a breve termine.

 

Lightning Network

 

Va inoltre tenuto presente che alcune transazioni di bitcoin vengono eseguite, ad esempio, attraverso la rete Lightning Network (LN) di secondo livello. Secondo 1ML, LN ha più di 6.000 nodi, 24 mila canali di pagamento e la capacità di rete supera 659 BTC ($ 2,4 milioni):

 


 

Il protocollo Lightning Network aiuta a risolvere il problema della scalabilità di Bitcoin, rende i pagamenti anonimi e riduce significativamente i costi di transazione degli utenti.

 

Aggiornamento giornaliero

I nostri social


Le idee e le opinioni espresse in questo articolo non sono da considerare come un consiglio finanziario. Qualsiasi trade o investimento comporta dei rischi: si consiglia di condurre la propria ricerca prima di prendere una decisione definitiva. Il sito CryptoRivista.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001

[@username_url] profile img @vlad
Vlad Golub
CEO
611 NOTIZIE
10 ARTICOLI

Vlad Golub è il CEO di CryptoRivista ed è uno dei autori. Interessato alla scena di Bitcoin sin dal 2014, adora scrivere dei nuovi modi grazie ai quali la tecnologia Blockchain migliorerà il mondo.