Banca Popolare cinese: continueremo lo sviluppo dello yuan digitale

La Banca popolare cinese non abbandonerà il progetto che prevede l’emissione dello yuan digitale attraverso il proprio sistema di pagamento chiamato DCEP (Digital Currency Electronic Payment). La dichiarazione è arrivata dalla banca stessa, durante una video conferenza, riporta  CoinDesk.

Nel corso della conferenza online, in particolare, sono state discusse le principali priorità della banca per il prossimo anno. Tra questi obiettivi principali c’era il rilascio della propria valuta digitale (lo yuan digitale).

“La Banca popolare cinese continuerà senza dubbio la ricerca e lo sviluppo della valuta digitale nazionale con un top-down design migliorato”, hanno affermato i rappresentanti della banca.

(I modelli top-down e bottom-up sono strategie di elaborazione dell’informazione e di gestione delle conoscenze, riguardanti principalmente il software e, per estensione, altre teorie umanistiche e teorie dei sistemi. Fonte: Wikipedia)

Inoltre, il coronavirus potrebbe anche spingere il regolatore cinese ad accelerare lo sviluppo della propria valuta digitale. A febbraio, la banca centrale cinese ha annunciato l’emissione di 600 miliardi di yuan e la disinfezione delle vecchie banconote entro 7-14 giorni.

Infine ricordiamo che, di recente, il CEO della UnionBank, la banca più grande delle filippine, ha dichiarato che il COVID-19 potrebbe accelerare l’adozione di masse delle valute digitali.